scrigno

leggere nuoce gravemente all'ignoranza

Maria Maddalena Corrado - Elvira la rana

"Elvira la rana" è una favola che nasce in un lontano 1986 dal desiderio di una madre di insegnare "a non sprecare il tempo" alla propria figlia.
La rana Elvira, giunta in città per comprare un orologio dal suo amico orologiaio Stanislao, scopre che il tempo è misteriosamente scomparso: orologi, galli, campanelline...qualunque cosa segnali lo scorrere delle ore è sparita. L'intrepida protagonista si lancia allora alla ricerca del "tempo - letteralmente - perduto" incontrando sulla sua strada nuovi amici, molti indizi - che le siano stati lasciati apposta? - arrivando a risolvere il mistero.
Una fiaba moderna, con una grande morale per i piccini, ma anche per quegli adulti che ogni tanto si dimenticano di preservare il bene più prezioso: il tempo.

Abbiamo chiesto alll'autrice cosa voglia dire scrivere favole nel 2010:

Intervista con Maria Maddalena Corrado, autrice di "Elvira la rana" ed. Albatros, marzo 2010 -
"Scrivere favole nel 2010"

Il LIBRO
* Cosa ti ha dato l'idea per questo libro?

L'idea per questa fiaba me l'ha data Sara, mia figlia. questa fiaba è stata scritta per lei nel 1986. Il tentativo di una giovane madre di convincere la figlioletta a non perdere tempo al mattino.

* Quanto tempo hai impiegato per scriverla?

E' stata scritta di getto, sul tavolo della cucina, mentre Sara dormiva. Credo di averla scritta in due, tre ore. Anche i personaggi sono"usciti" dalla penna da soli, come se aspettavano solo che io li chiamassi.

* Da dove nascono i tuoi personaggi, in particolare Elvira?

Ancora oggi no so dove ho "scovato" questo nome........dovrei inventarmelo. Però è un bel nome! :-) Devo dire che sicuramente Elvira ero un pò io ... tanto tempo fa. oggi mi rispechio decisamente di più nella saggia Gina.

* La figura dell"uomo del tempo" è l'unica ad avere forma umana e a rappresentare un adulto. Ha un significato particolare, dato che è uno dei personaggi chiave?

L'Uomo del tempo...il nonno dalla barba bianca. Perchè è l'unico "umano"? Nei miei racconti non c'è mai il "cattivo". Però qualcuno doveva pur aver rubato il tempo? ma perchè doveva essere per forza cattivo?al racconto bastava fosse grande....... Ecco un nonno, un nonno grande. Una figura così bella, importante per i bambini. Il nonno è sempre molto buono e voleva solo dare un piccolo castigo ma lascia tracce lungo il cammino, fa incontrare ad Elvira Sale e Pepe. Il nonno vuole aiutare Elvira a ritrovare il tempo perduto.

* Perchè hai scelto di usare lo schema della fiaba per poter raccontare questa storia?

"Scegliere" di raccontare una fiaba... in verità è sempre stato il mio modo di comunicare con i bambini. Lo usavo con mia figlia e ora con i miei nipotini.
A volte nasce da un capriccio, altre volte da uno spintone in classe... allora io racconto, racconto di.. quell'ochetta che... ai bambini piace e ti ascoltano con attenzione.
Queste fiabe sono quelle che Annamaria, mia nipote, chiama le fiabe senza gli occhiali. perchè non si leggono ma escono dalla bocca anche senza ... permesso :- D

* Ad un anno esatto di tempo dalla pubblicazione, c'è qualche cosa che cambieresti?

Dopo venticinque anni dalla "nascita" di Elvira non cambierei nulla. Elvira è quasi una mia "bimba", le voglio bene con i suoi pregi e i suoi difetti.

SCRIVERE FAVOLE
* Perchè scrivere favole nel 2010?

Scrivere favole nel 2010, scrivere e raccontare favole sempre. Perchè aiutano gli adulti a dire, perchè piacciono ai bambini, perchè molte, favole, fanno bene al cuore.

* Scrivere libri per bambini richiede l'uso di un linguaggio diverso da quello degli adulti?

Si, credo che scrivere, parlare con i bambini richieda un linguaggio diverso. Le paroel devono avere "suono", devono come danzare nelle orecchie dei bambini.

* Come nasce una fiaba?

Come nasce una fiaba? posso rispondere che i miei racconti, tutti, nascono sempre dall'esigenza di comunicare un emozione.
Insegnare un comportamento, alleviare un dolore o semplicemente trovare una risposta divertente per farli ridere.
Le mie fiabe o racconti nascono attorno a "un" bambino, nascono per lui/lei poi diventano di tutti.

* Le fiabe sono notoriamente per bambini, ma potrebbero essere anche per noi adulti?

A me piace pensare che le fiabe siano per tutti. da zero a 100 anni. Anzi credo che molte siano più utili agli adulti!
Ho conosciuto , pochi, adulti che non conoscono nessuna fiaba. La mia impressione è che ... gli manchi qualcosa, forse un sorriso speciale

* Quanto è utile la mediazione di un genitore nella lettura di una fiaba?

La mediazione di un genitore è importantissima. i bambini "pendono" dalle loro labbra.
Credono ai loro genitori. una fiabaraccontata da loro è più "vera", più bella.
" Ha detto mamma che..."
" L'ha detto papà!"
Quante volte abbiamo sentito queste frasi? tante e non può che farci sorridere.

trovare la casa editrice...
un'altra storia... ve la racconto :- D
Natale 2008 Sara, mia figlia, mi "strappa" la promessa "invierò in visione Elvira......".
mantengo sempre le promesse....il 24 marzo invio a 10 case editrici, in 9 mi rispondono e acettano la mia fiaba.
... forse non ci credo ancora...
un giorno in libreria noto che molti grandi nomi pubblicano con Albatros.
penso: la invio anche a loro, figurati se hanno tempo da perdere...
( purtroppo non sapevo molte cose... ma questa è una riflessione che tralascerei).
24 marzo 2010 mi arriva il libro a casa. bella coincidenza, è di nuovo il mio compleanno!

L'AUTRICE
* Parlaci un poco di te... come hai iniziato a scrivere e perchè?

Ho iniziato prima a raccontare, poi a scrivere.
Ero la "bambina che raccontava le storie" :- )
Mi sedevo sul gradino di casa e raccontavo... raccontavo.
Perchè raccontavo e ora scrivo?
Perchè ho tante cose da "dire" :- )

* Hai avuto difficoltà nel trovare una casa editrice che ti pubblicasse? la consiglieresti ad altri autori?

Trovare la casa editrice...
Un'altra storia... ve la racconto :- D
Natale 2008 Sara, mia figlia, mi "strappa" la promessa "invierò in visione Elvira......".
Mantengo sempre le promesse....il 24 marzo invio a 10 case editrici, in 9 mi rispondono e acettano la mia fiaba.
... forse non ci credo ancora...
Un giorno in libreria noto che molti grandi nomi pubblicano con Albatros.
Penso: la invio anche a loro, figurati se hanno tempo da perdere...
( purtroppo non sapevo molte cose... ma questa è una riflessione che tralascerei).
24 marzo 2010 mi arriva il libro a casa. Bella coincidenza, è di nuovo il mio compleanno!

* Questa è la tua prima esprerienza letteraria, hai altri progetti per il futuro?

Progetti? preferisco chiamarli sogni :- )
La mia scatola blu è piena di storie, poesie e un... romanzo.
Qualcuna l'ho inviata in visione ed è in attesa di risposta, qualcun'altra partecipa a concorsi, gli esiti tra aprile e maggio.
Altre penso di tenerle ancora con me.
Cosa succederà domani? Non lo so. Oggi sorrido e incrocio le dita.

Creative Commons License Salvo dove diversamente indicato, il materiale in questo sito
è pubblicato sotto Licenza Creative Commons Attribuzione-Non commerciale-Condividi allo stesso modo 3.0 Unported.
Powered by netsons | Drupal and Drupal Italia coomunity | Custumized version by Mavimo
Based on: ManuScript | Optimized for Drupal :www.SablonTurk.com