scrigno

leggere nuoce gravemente all'ignoranza

III Concorso Nazionale Letterario della S.I.P.S.e.C. - Società Italiana di Psicologia Sessuologia e Criminologia “Fame di Parole

Il concorso è destinato a tutti gli autori che abbiano esperienze da raccontare o pensieri in merito al tema: “I disturbi alimentari”.

Art. 1 – Il concorso è diviso in due sezioni:
sezione A: autori fino a 17 anni;
sezione B: autori maggiorenni.

Art. 2 – Gli elaborati da inviare possono essere:
una poesia inedita che non superi i 35 versi;
un racconto inedito che non superi le 3 cartelle (formato A4).

Art. 3 – E’ possibile la partecipazione con un solo elaborato che deve essere scritto in lingua italiana e spedito esclusivamente via e-mail in formato .DOC o .RTF all’indiri­zzo concorso@sipsec.it. Nel file dell’elaborato dovrà essere inserito il titolo dell’opera ma non dovrà essere presente alcun riferimento al nome dell’autore, che invece dovrà essere riportato nel modulo di partecipazione firmato e datato, da allegare all’e-mail.

Art. 4 – La partecipazione al concorso è gratuita per la sezione A, mentre prevede un rimborso spese di segreteria pari a otto euro da far pervenire a mezzo bonifico (IBAN: IT67W0316501600000011519299) c/o IW BANK - Filiale: Milano Sede, intestato a “Società Italiana di Psicologia Sessuologia e Criminologia”, Causale: COGNOME NOME – CONCORSO2011. La ricevuta dovrà essere allegata all’e-mail contenente l’elaborato.

Art. 5 – Gli elaborati saranno esaminati da un’apposita giuria che assegnerà due targhe (o coppe) al primo classificato delle due sezioni. Il giudizio della giuria è insindacabile ed inappellabile. Gli elaborati ritenuti più originali dalla medesima giuria, potranno essere inseriti in un’antologia che sarà data in omaggio - rispettivamente al primo, secondo e terzo classificato di entrambe le sezioni - durante il seminario sui “Disturbi alimentari” che concluderà la manifestazione culturale.

Art. 6 – I risultati del concorso e la data del seminario saranno resi noti sul sito www.sipsec.it e attraverso i mezzi stampa.

Art. 7 – Tutti gli autori, classificati e non, sono invitati sin da ora al seminario conclusivo per il ritiro degli attestati di partecipazione. I vincitori dovranno ritirare personalmente la targa e la copia dell’antologia, in quanto non è prevista la spedizione dei premi. L’organizzazione non si farà carico di spese di soggiorno e quant’altro non previsto dal presente bando.

Art. 8 – Gli elaborati dovranno pervenire tassativamente entro le ore 24.00 del giorno 12 gennaio 2012.

Il presente bando, unitamente al modulo di partecipazione, è scaricabile dal sito www.sipsec.it alla voce “Eventi”.

Il Presidente
Dott.ssa Angela Sarracino
MODULO DI PARTECIPAZIONE

Il/la sottoscritto/a _________________________________ nato/a a ______________ ( ___ ) il ______________, residente/domiciliato in ___________________ ( ___ ) in Via __________________________, recapiti telefonici ________________ ____________________, e-mail ___________________ @ _______________ intende partecipare al III Concorso Nazionale Letterario della Società Italiana di Psicologia Sessuologia e Criminologia “Fame di Parole” – Edizione 2011, nella Sezione ____ con l’elaborato dal titolo:

________________________________________________

A tal fine dichiara che l’opera presentata è di produzione propria, inedita e mai premiata.
Il/la sottoscritto/a autorizza l’organizzazione all’eventuale lettura pubblica dell’opera pervenuta ed all’utilizzo della stessa per manifestazioni collaterali al concorso, nonché per eventuali pubblicazioni senza avere nulla a pretendere come diritti d'autore.
La proprietà letteraria rimarrà, sempre e comunque dell'autore, il quale potrà utilizzare senza restrizioni il proprio elaborato in altre pubblicazioni non realizzate/edite dalla S.I.P.S.e.C.
Il/la sottoscritto/a altresì dichiara di aver letto e di accettare tutti gli articoli del bando del concorso.
I dati personali verranno trattati ai sensi del D.Lgs. 196/2003 e succ. mod. Il responsabile del trattamento è la dott.ssa Angela Sarracino.

Data Firma

______________ ______________________________

Per i partecipanti minorenni è necessaria la seguente sottoscrizione da parte di un genitore o da chi ne esercita la patria potestà:

Il/la sottoscritto/a _________________________________, in qualità di ____________________, autorizza _____________________________________ studente dell’Istituto scolastico _______________________ di ______________ a partecipare al III Concorso letterario “Fame di Parole” - Edizione 2011.

Data Firma

______________ ______________________________

ATTENZIONE

Attenzione: fate girare per cortesia….

Se nel vostro quotidiano vi capita di incrociare per strada o in altri luoghi comuni bambini che piangono e vi dicono : “mi sono perso, portatemi a questo indirizzo…!”
Non lo fate , ma andate con il bimbo al comando di polizia o
carabinieri perchè è un sistema nuovo che i maniaci o i violenti usano per adescare donne e violentarle.

Grazie per l'attenzione.

PASSATE PAROLA - RICEVO E

PASSATE PAROLA - RICEVO E INOLTRO - E' IMPORTANTE SOPRATUTTO PER LE DONNE.

Una sera, mentre percorrevo una via secondaria per tornare a casa, ho notato, sul seggiolino di un'auto ferma a bordo della strada, un bambino coperto da un panno. Non so spiegare perchè - e la ragione poco importa - ma non mi sono fermata...
Quando sono arrivata a casa, ho telefonato alla polizia che mi ha assicurato che sarebbe andata a vedere. Nel contempo, però, ecco quello di cui la polizia mi ha informata:
le bande di malviventi, i Rom e i ladri stanno escogitando vari
stratagemmi perchè gli automobilisti (soprattutto donne) fermino il proprio veicolo e ne scendano (in zone isolate). Il metodo praticato da certe bande consiste nel posizionare una
macchina lungo la strada con un falso bebè seduto dentro aspettando che una donna si fermi per andare a vedere quello che lei crede essere un bimbo abbandonato. Da notare che la macchina è solitamente messa vicino a un bosco e ad un campo con l'erba alta: la persona che ha la malaugurata idea di
fermarsi sarà trascinata nel bosco, violentata, picchiata e derubata...
Non fermatevi mai, ma chiamate il 113 appena possibile, raccontando quello che avete visto e dove l'avete visto, MA CONTINUATE LA VOSTRA STRADA!

Altro espediente: Se, mentre state guidando, vi 'arrivano' delle uova sul parabrezza, non fermatevi, ma soprattutto non azionate il lavavetri, perchè le uova miste all'acqua diventano collose e vi oscurerebbero il parabrezza fino a più del 90%! Sareste allora costretti a fermarvi al bordo della strada, diventando potenziali vittime di criminali.

Ecco qualcuna delle nuove tecniche utilizzate dalle gang.
Informate i vostri amici, per favore.

l b f...

A volte anche le "bufale" nascondono incipit d'autore, ma non è facile scoprirli gentile lbf...

Per quanto ...

l'incipit possa essere entusiasmante rimane sempre una bufala.
Ma se basta un incipit d'autore per farla felice son contenta per lei.

luciana bruna f...

Grazie per aver riconosciuto che un incipit può risultare entusiasmante e che la felicità non è una bufala.
Se poi penso che ci-ce era stato messo bene in vista, che le lenticchie non ci piacciono e che oggi è venerdì, gliele lascio con piacere.

Creative Commons License Salvo dove diversamente indicato, il materiale in questo sito
è pubblicato sotto Licenza Creative Commons Attribuzione-Non commerciale-Condividi allo stesso modo 3.0 Unported.
Powered by netsons | Drupal and Drupal Italia coomunity | Custumized version by Mavimo
Based on: ManuScript | Optimized for Drupal :www.SablonTurk.com