scrigno

leggere nuoce gravemente all'ignoranza

Dino Buzzati - Il deserto dei Tartari

“Il deserto dei Tartari” è senz'altro l'opera più importante dello scrittore bellunese Dino Buzzati. Di rilievo sono anche “Un amore”, che narra di un rapporto fortemente vissuto probabilmente con una prostituta dallo stesso Buzzati; e “La famosa invasione degli orsi in Sicilia”, che alla sua uscita fu considerata erede pari pari di Pinocchio.
Ma è con “Il deserto dei Tartari”, in un primo momento denominato “La fortezza”, che Buzzati tocca vertici mai più raggiunti con la sua produzione. “Barnabo delle montagne” presagisce il capolavoro del nostro senza intaccarne il primato. L'approssimarsi alla morte del soldato Giovanni Drogo prende il lettore fino dalle prime pagine e non lo lascia più. Alcuni critici maliziosi hanno voluto vedere in Buzzati una copia virtuale di Kafka, laddove la somiglianza non deve tradire. Infatti mentre l'eroe di Kafka aspetta un futuro che non raggiungerà mai, l'eroe di Buzzati va verso qualcosa che non raggiungerà mai, lo scontro con i tartari appunto. L'eroe di Buzzati è dunque un eroe “mobile” votato al fallimento; quello kafkiano più drasticamente subisce il proprio destino ritmato dall'orologio.
Tutto ciò, quanto detto non esclude che Dino Buzzati con “Il deserto dei tartari” possa inserirsi nel tronco della narrativa europea. A pieno titolo.

(Fabrizio Chiesura)

Per l'assaggio clicca sul seguente link:

Buzzati

Un romanzo d'attesa.
Avevo sempre sentito parlare di questo romanzo, ma avevo dei pregiudizi nei confronti di Buzzati, pensavo non mi piacesse.
tra l'altro avevo visto il film e, nonostante i riconoscimenti e il cast di attori, non mi aveva preso per niente. l'attesa è stata fatale, ha vinto la noia.
Ma ho avuto modo di ricredermi quando mi hanno letto alcuni racconti de "La boutique del mistero", che poi ho letto per intero; dopodichè ho letto "Il segreto del bosco vecchio". Perciò quando, su una bancarella dell'usato ho trovato "Il deserto dei tartari" non ho potuto fare a meno di comprarlo. La lettura è stata avvincente, l'attesa descritta non è mai noiosa, mi ha coinvolto a tal punto che quando il romanzo è finito, mi è dispiaciuto che fosse finito.
Indubbiamnete un capolavoro.
Mi sono pienamente ricreduto su Dino Buzzati. E mi piacciono le sue storie avvolte in un alone di mistero.

Stefano

Trova il tempo per leggere, è la base del sapere.

Creative Commons License Salvo dove diversamente indicato, il materiale in questo sito
è pubblicato sotto Licenza Creative Commons Attribuzione-Non commerciale-Condividi allo stesso modo 3.0 Unported.
Powered by netsons | Drupal and Drupal Italia coomunity | Custumized version by Mavimo
Based on: ManuScript | Optimized for Drupal :www.SablonTurk.com