scrigno

leggere nuoce gravemente all'ignoranza

Maurizio Piccirillo - Il sibilo dei sommersi

Maurizio Piccirillo approccia ai temi classici della poesia rivestendoli di forma moderna. Il poeta trasla contenuti universali quali la vita, la morte, la guerra e l’amore in un linguaggio forte e deciso caratterizzato dall’uso frequente di immagini che aprono al lettore la visione dolorosa e tragica di un’umanità drogata dall’incomunicabilità. La mancanza di tale scambio comunicativo porta l’uomo alla scelta rovinosa e ipocrita della guerra. L’io poetico si ritrova imprigionato in sbarre castranti che riducono i sogni in frammenti privi di libertà. Il candore dei fanciulli si sporca di fumo e cenere: sono i bambini i veri martiri della guerra. La morte interiore si accompagna all’inesorabile scorrere del tempo e il tema della vecchiaia percorre la silloge poetica parallelamente a un vissuto intriso di sofferenza. L’amore si rivela una passione fugace, che si nutre di attimi, già esaurita. Cosa rimane allora al poeta? Svaniti i sogni e i ricordi, l’io lirico si inebria: il vino è rosso come il sangue, richiama contemporaneamente il vivere e il morire, la natura e gli affetti autentici, l’intensità del dolore e del sentimento d’amore. Al dolore e alla morte si contrappone la vitalità del liquido: esso scorre velocemente offuscato e soffocato nel tentativo di emergere in superficie, ma il suo divenire non può che risolversi in un sibilare sommerso…
(Valentina Petrucci)

Creative Commons License Salvo dove diversamente indicato, il materiale in questo sito
è pubblicato sotto Licenza Creative Commons Attribuzione-Non commerciale-Condividi allo stesso modo 3.0 Unported.
Powered by netsons | Drupal and Drupal Italia coomunity | Custumized version by Mavimo
Based on: ManuScript | Optimized for Drupal :www.SablonTurk.com