scrigno

leggere nuoce gravemente all'ignoranza

Sopravvivo

Ho voglia di piangere
Ho voglia di sorridere
Sento un masso
Chiude il petto
Non respiro
Sopravvivo

Com’è la felicità?
E’ una chimera
Una piuma che vola
Via lontano da me
Respiro

Portati via la mia sofferenza
Portati via la mia tristezza
Portale lontano da me
Che non possano mai tornare
Che non possano mai ferire
Che mi lascino riposare

Sopravvivo
Nel respiro vitale
Nel flusso emozionale
Sopravvivo

Prendi le mie lacrime
Trasformale in stelle
Falle splendere luminose
Nelle tue mani poderose
E torno a respirare
Nel soffio vitale

Claudia

Sopravvivo

Lasciale volteggiare attrorno a te quelle note di tristezza e sofferenza, sopporta il loro eterno vagare. E' da esse che derivano queste dolci parole che ci fanno sentire il sapore del cielo trapunto di lacrime trasformate in facelle.

Sì....

...è vero, è dal "loro eterno vagare che derivano queste dolci parole".
Grazie Dino
---------------------0------------------------0--------------
Il tempo per leggere, come il tempo per amare, dilata il tempo per vivere.
Daniel Pennac

Creative Commons License Salvo dove diversamente indicato, il materiale in questo sito
è pubblicato sotto Licenza Creative Commons Attribuzione-Non commerciale-Condividi allo stesso modo 3.0 Unported.
Powered by netsons | Drupal and Drupal Italia coomunity | Custumized version by Mavimo
Based on: ManuScript | Optimized for Drupal :www.SablonTurk.com