scrigno

leggere nuoce gravemente all'ignoranza

Sfiorato da un angelo - Pag.3

“Dico così perché non ho mai avuto un ragazzo” si decise alla fine a confessarmi.
“Mai?”.
“Mai” confermò.
“A me non importa, sei molto simpatica” e mi stupii, rendendomi conto che era la verità.
“Grazie Marco”.
“Prego Alessia”.
“Domanda, risposta?” le scrissi. Sarebbe stato un modo veloce per conoscerci.
“Okay. Comincia tu”.
“Quindi sei vergine?” ripensandoci ora, fui davvero un gran gentiluomo.
“Sì, ovviamente sì. A te non chiedo nulla al riguardo. Da dove scrivi?”.
“Da Firenze, Toscana. Tu?”.
“Palermo, Sicilia”.
“So dov’è Palermo”.
“Anch’io sapevo dove stava Firenze” rispose lei. Era velocissima a scrivere e io in confronto, mi sentii un lumacone.
“Okay, okay. Siamo entrambi bravi in geografia, a quanto pare” una cosa più idiota non l’avrei di certo potuta scrivere.
“Viaggi o hai viaggiato?”.
“Non molto. Ho girato la Toscana e nient’altro. Tu?”.
“Io molto”.
“Dove sei stata?” chiesi. Riusciva ad avere tutta la mia attenzione.
“Ho girato tutta l’Italia, poi sono stata in Francia, Germania e Inghilterra”.
“La tua preferita?”.
“Francia, sicuramente”.
“Romantica?”.
“Oh, semplicemente oltre l’inverosimile” mi rispose lei. Me l’aspettavo.
“Dimmi qualcosa sul tuo carattere” la esortai.
“Allora… vediamo, sensibile… parecchio timida… il mio tallone d’Achille… so essere dolce e sottomessa, ma so anche mostrare gli artigli. Tu?”.
“Non sono mai stato timido, anch’io sono romantico… per quanto mi è possibile. Non mi faccio mettere i piedi in testa da nessuno… so farmi valere, insomma”.
“E ti piacciono anche gli animali?”.
“Ovviamente li adoro”.
“Sposami, allora” mi scrisse, guadagnandosi un altro mio sorriso sornione.
“Anche a te piacciono gli animali? Ne hai?”.
“Adoro gli animali. Ho un cane, due uccellini gialli, tre criceti e un pesciolino d’acqua salata”.
“Wow. Come si chiama il cane?”.
“Rudy. Tu hai animali?”.
“No, sfortunatamente no”.
“Gli animali, a mio parere, riempiono la vita” forse ne avrei dovuto prendere uno, così forse mi sarei sentito meno solo.
“Cosa fai nel tempo libero?” le chiesi, dando un’occhiata veloce all’orologio. Chattavamo già da un’ora.
“Non ho molto tempo libero, però quando ho un secondo scrivo, leggo o scatto fotografie. Tu?”.
“Io disegno o mi chiudo in me stesso. Cosa scrivi?” le domandai. Lei esitò a rispondere.
“Oh, nulla di particolare. Capita anche a me di chiudermi in me stessa, anche se non è una bella cosa. Soprattutto però, quando ho un momento libero dopo tanto studio, preferisco chiudermi qui, nella mia stanza, e ascoltare i miei cantanti preferiti”.
“Sarebbero?”.
“Mi piacciono molto Tiziano Ferro, gli Articolo 31 e Max Pezzali, ma ultimamente ascolto un po’ di tutto. Sto ampliando i miei orizzonti musicali. Tu?”.
“Non ho molto tempo per la musica ma anch’io sono in fase di ampliamento. Vai bene a scuola?” lei esitò di nuovo.

Creative Commons License Salvo dove diversamente indicato, il materiale in questo sito
è pubblicato sotto Licenza Creative Commons Attribuzione-Non commerciale-Condividi allo stesso modo 3.0 Unported.
Powered by netsons | Drupal and Drupal Italia coomunity | Custumized version by Mavimo
Based on: ManuScript | Optimized for Drupal :www.SablonTurk.com