scrigno

leggere nuoce gravemente all'ignoranza

"Carnevale" di Marco Giuffrida

di Marco Giuffrida

Farina, a spianare rughe di facce già grigie.

Visi di gomma.

Tamburi e danze, per nuovi esorcismi alle Morti,
che passano distratte,
avvolte in cupi mantelli,
e il loro ghigno stampato.

Folletti assurdi, senza boschi,
agitati dal ritmo di un Samba,
accompagnano carri:

Figure senza storia e bugie di cartapesta.

Ovunque fiocchi di carta,
sibili e saette colorate.

Bambini mascherati e spenti,
immolati, innocenti, al Carnevale.

Creative Commons License Salvo dove diversamente indicato, il materiale in questo sito
è pubblicato sotto Licenza Creative Commons Attribuzione-Non commerciale-Condividi allo stesso modo 3.0 Unported.
Powered by netsons | Drupal and Drupal Italia coomunity | Custumized version by Mavimo
Based on: ManuScript | Optimized for Drupal :www.SablonTurk.com