scrigno

leggere nuoce gravemente all'ignoranza

I vincitori del Primo Concorso Letterario di Scrigno

Il 21 marzo 2010 si è conclusa la votazione, aperta a tutti, per la selezione dei tre racconti vincitori del Primo Concorso Letterario di Scrigno.

Tutti i racconti si possono ancora leggere, ora anche con il nome dell'autore!!

Ecco i vincitori:
Al primo posto Raffaele Serafini con il racconto "Babilonia" si aggiudica il buono Feltrinelli di euro 75.
A Marco Giuffrida con "Regalo di compleanno" è assegnato il secondo posto e il buono Feltrinelli di euro 50 e infine, Irene Pace con "Fedele al mio sogno" al terzo posto, riceverà il buono Feltrinelli di euro 25.

Anche la giuria ha deciso di assegnare dei premi speciali:

a "Il morbo" di Maurizio Verduchi, racconto fuori concorso ma premiato per l'originalità e la sua passione nel trasformare i redattori in personaggi dei suoi racconti.

Inoltre i racconti in concorso:

si aggiudicano il premio della giuria e altri buoni Feltrinelli di euro 75, 50 e 25.

Complimenti a tutti arrivederci al prossimo concorso!

Vincitori

E' bello vedere che il "giudizio" dei visitatori è, almeno per il primo classificato, sovrapponibile a quello che ha dato la giuria.
Babilonia ha colpito per il tipo di scrittura e perchè è uno dei pochi racconti costruiti su misura all'incipit che non è stato solo un pretesto per scrivere qualcosa bensì l'autore lo ha utilizzato come struttura portante.

Regalo di compleanno è una meravigliosa storia di ricordi rinchiusi nello scrigno della memoria.

Fedele al mio sogno è la scoperta del senso della propria vita.

10 brumaio, un bellissimo "sogno"

Le verità dei bambini una reltà che ci si augura faccia parte della storia.

Infine, il morbo... La redazione quasi al completo nelle vesti di personaggi che diffondono la lettura. I libri come malattia "positiva". Un'idea originale.

Rinnovo i miei complimenti a tutti i concorrenti per l'impegno, la pazienza e le loro storie.

---------------------------- . ----------------------------
Una stanza senza libri è come un corpo senza anima.
Variante
Una stanza senza libri è come il mondo senza nutella. (Deborah)

Bene

Ai complimenti a un "furlan" al 1° posto (per ben due volte) aggiungo che me l'aspettavo, a Marco Giuffrida... unisco un ramo di ginestra e al fratello di un rugbista... visto che te l'avevamo detto che ci sai fare.
A Deborah un sorriso e a sua madre un abbraccio - alla redazione di Scrigno l'apprezzamento per l'impegno e... del resto, che siete bravi lo sapevamo già, eccome!

Grazie!

Grazie a chi chi ha votato per me nella prima e nella seconda "tornata". E grazie a Frank Spada per il commento che ha due piacevoli "stranezze": per prima la Ginestra che fa parte del panorama della mia Terra, la Sicilia (ma era facile a sapersi perché, mi pare, l'ho scritto nel mio profilo); la seconda perchè a Rugby ci ho giocato dal 1957 al 1961.

Mi piace essere qui, oggi, per augurare a Tutti, Amiche ed Amici, una buona Pasqua e, soprattutto, un sereno lunghissimo "dopo Pasqua"!

Marco

Creative Commons License Salvo dove diversamente indicato, il materiale in questo sito
è pubblicato sotto Licenza Creative Commons Attribuzione-Non commerciale-Condividi allo stesso modo 3.0 Unported.
Powered by netsons | Drupal and Drupal Italia coomunity | Custumized version by Mavimo
Based on: ManuScript | Optimized for Drupal :www.SablonTurk.com