scrigno

leggere nuoce gravemente all'ignoranza

IL CINEMA IN LIBRERIA Zia Mame di Patrick Dennis

Bisognerebbe forse interrogarsi sul perché un libro scritto oltre mezzo secolo fa – riproposto in italiano dopo decenni - e di un autore morto oltre trenta anni fa in povertà sia riuscito a scalare le classifiche di vendita in poche settimane.
La trovata letteraria che dà l’avvio al libro – e che sembra essere stata suggerita all’autore da un editor – è la seguente: il protagonista legge sulla rivista “Selezione” l’articolo su una donna che ha condotto un’esistenza eccezionale. Gli viene spontaneo paragonare questa donna eccezionale alla sua Zia Mame a cui l’autore era stato affidato alla morte del padre. Infatti da quel giorno erano iniziate una serie di avventure tra nipote e l’eccentrica zia che è impossibile ripercorrere per filo e per segno in questa sede: dalla scelta di una scuola “alternativa” alla caccia alla volpe. Incredibili i personaggi di contorno. Indimenticabile il domestico giapponese Ito che segue la coppia in tutte le sue peripezie in giro per gli States facendo, con poco successo, da autista (questo personaggio ha un so che di cinematografico). Un altro determinato inseguitore della coppia, almeno per un certo numero di anni, fu il curatore dei beni del giovane Patrick cui il padre aveva affidato le scelte educative del ragazzo ben conoscendo la mentalità aperta, decisamente troppo aperta, della zia.
La seconda parte del libro – che fino a quel punto è veramente un gioiello - è la ripresa del cliché di una Zia eccentrica e sfacciata. Qui forse il testo è un po’ meccanico e ripercorre i tentativi amorosi di Zia Mame tutti rovinosamente votati all’insuccesso. Il finale del libro forse è una un po’ scontata ripresa dell’inizio.
Sicuramente la narrazione in prima persona sta tornando di moda e questo libro si immette nella grande tradizione statunitense dei testi scritti in prima persona e che rievocano “come sono andati i fatti”: da Il Buio oltre la siepe a Il giovane Holden. Certamente non ha la portata anche filosofica, linguistica e – nel primo caso - anche politica, dei testi appena citati. Tuttavia Zia Mame ha una gradevolezza notevole ed un impatto innegabile.
Anche un certo gusto narrativo sembra essere tornato di moda. Il libro sa coniugare leggerezza e frivolezza ad un eleganza, artificiosità, chic a Kitch. Non a caso Zia Mame verrà vista come un’icona gay, ma quei gay da Vizietto perché l’atmosfera è quella della gaia felicità festosa intrisa impropriamente di arte (lo stesso autore era stato al centro di diverse relazioni omosessuali, cosa inconcepibile nell’America di quegli anni). Un mix che nelle prime duecento e passa pagine lascia sbalorditi con una raffica di citazioni d’epoca non tutte gustabili fino in fondo perché riferite al mondo letterario, cinematografico, artistico, intellettuale e mondano degli Stati Uniti degli anni ’20, ma che – per così dire – sentiamo nostre comunque. Effettivamente l’autore ha la capacità di evocare un mondo e un personaggio per certi versi holliwoodiano.
Patrick Dennis (il cui nome era Edward Everett Tanner III) aveva combattuto durante la seconda guerra mondiale in Italia, poi era stato giornalista, ghostwriter per altri scrittori, compilatore di schede di lettura in una casa editrice, autore di un libro sulle tattiche del comunismo. Zia Mame venne rifiutato da 19 editori prima di essere pubblicato nel 1955 negli Stati Uniti. Ma all’uscita ebbe un grande successo (due anni in classifica e oltre due milioni di copie vendute). Ne fu tratto un fortunato adattamento teatrale ed un film che è stato di recente reso disponibile in DVD anche in Italia sull’onda del successo del libro. Patrick Dennis non seppe ripetere questo enorme successo, fece il gallerista in Messico, tentò il suicidio, fu ricoverato e finì per fare il maggiordomo.
Ritorna oggi prepotentemente di moda. Scusate il ritardo, verrebbe da dire.

Juri Casati

Per l'assaggio clicca sul seguente link: http://scrignoletterario.it/node/974

Creative Commons License Salvo dove diversamente indicato, il materiale in questo sito
è pubblicato sotto Licenza Creative Commons Attribuzione-Non commerciale-Condividi allo stesso modo 3.0 Unported.
Powered by netsons | Drupal and Drupal Italia coomunity | Custumized version by Mavimo
Based on: ManuScript | Optimized for Drupal :www.SablonTurk.com