scrigno

leggere nuoce gravemente all'ignoranza

Silvia Armanini

Enzo Gianmaria Napolillo - Remo contro

Remo “rema” contro tutto: il lavoro che lo opprime e lo vuole spingere ad imbrogliare i clienti; la sua famiglia troppo ordinaria che non capisce il suo desiderio di essere diverso dalla massa e lo mette a confronto con il fratello maggiore perfetto, affermato e con una famiglia di saldi principi; la sua ragazza, Lara,

Alessandro Soprani - L'ultima estate che giocammo ai pirati


Un romanzo d’esordio coi fiocchi, ambientato in un dopoguerra realistico ed impreziosito dall’uso del dialetto (comprensibile anche per chi, come me, ne è digiuno).
I tre giovani protagonisti, uno dei quali presta la voce al narratore, si trovano loro malgrado coinvolti in una serie di fatti cruenti iniziati con il misterioso assassinio del povero Delmo, un giovane ben voluto da tutto il paese. I tre moschettieri, come vengono chiamati dai paesanotti poiché inseparabili, si trovano a fare i conti con il terrore, la morte, gli strascichi della guerra e le leggende sui partigiani.
Mario, cresciuto troppo in fretta per sopravvivere alla sua famiglia distrutta dall’alcool; Davide, buono e forte come un toro che farebbe di tutto per i suoi amici e Luca, orfano di padre che vive con il nonno partigiano e scopre nella sua soffitta un vecchio segreto.
Ma la vita reale non è fatta di avventure immaginarie e lieti fini e sarà questa estate ad insegnarlo ai tre amici, facendoli cambiare al punto di far loro dubitare di poter tornare a giocare ai pirati, come facevano da bambini.

Per l' assaggio cliccare sul seguente link: http://scrignoletterario.it/node/792

"88 tasti" di Silvia Armanini

di Silvia Armanini
dedicato ad A. Baricco in "Novecento"
quante donne di oggi con lo stesso interrogativo? "Come dirlo a mia figlia?"

"Sotto il gelso" di Silvia Armanini

“L’ultimo racconto del Gelso”

Gilles Gay - Quello che credevo qualdo ero piccolo

Da piccoli ci è stato ripetuto fino alla nausea che raccontare bugie ci avrebbe fatto crescere il naso, che non si dovessero accettare caramelle dagli sconosciuti o che per catturare gli uccellini bastava versare il sale sulla loro coda.

Ambrose Bierce - Dizionario del diavolo

«Io vendo insulti» dichiara lo stesso Bierce quando parla del suo dizionario che di diavolesco ha ben poco, se non la cattiveria e la cinicità. Bierce inizia questo inusuale commercio per ritrovare il vero significato delle parole, usate dagli uomini e dalle istituzioni come strumenti per ingannare e irretire.

"Nella nebbia" di Silvia Armanini

da far venire i brividi...

Antoine de Saint-Exupéry - Il Piccolo Principe

Alcuni romanzi definiti «per bambini» in realtà sono dedicati agli adulti, un esempio è Il Piccolo Principe di Antoine Jean-Baptiste Marie Roger de Saint-Exupéry.

Raffaele Donnarumma - La follia

Riflettere sulla follia vuol dire parlare di quella parte dell’uomo che è il cervello, la psiche, una macchina così complessa che ne è impossibile il funzionamento perfetto.

Condividi contenuti
Creative Commons License Salvo dove diversamente indicato, il materiale in questo sito
è pubblicato sotto Licenza Creative Commons Attribuzione-Non commerciale-Condividi allo stesso modo 3.0 Unported.
Powered by netsons | Drupal and Drupal Italia coomunity | Custumized version by Mavimo
Based on: ManuScript | Optimized for Drupal :www.SablonTurk.com