scrigno

leggere nuoce gravemente all'ignoranza

poesie

"La strega" di Dino Licci

di Dino Licci

Ed ora bruci sgomenta tra i tormenti
Tra croci e preci e monaci impietosi
Curasti gli ammalati tra i lamenti
Dissero ch’eri strega quei potenti!

Torturata, straziata e condannata ,

"La farfalla" di Dino Licci

di Dino Licci

Ho aperto la finestra
nella notte d’inverno.
Ho aperto la finestra
ed è comparso il cielo.
E come fosse preso
da un bisogno d’affetto,
ha invaso la mia casa
portandole tepore.
E’ entrata una farfalla
nella notte d’inverno.
Piccola e silenziosa,
si è messa a volteggiare!
E’ entrata una farfalla

"Pensieri da spaventapasseri" di Dino Licci


Con la testa di paglia e un gran cappello,
M’hanno lasciato solo in mezzo al grano.
Il vento già mi sferza tutto il volto
Volteggia molto in alto un gran gabbiano!

Devo tener lontani gli uccelletti
Che rubano le spighe: son guardiano

"La fine del sogno" di Dino Licci

LA FINE DEL SOGNO

Chopin, bianco fantasma, mi trovava
Insonne ai suoi notturni ed albeggiava.
E tu correvi la mia mano tesa
Danzavi le mie dita nell' attesa!

Le note s'infuriavano d'amore
E tu… correvi
E mi prendevi il cuore!

Oggi Ciajkoskj l'animo mi strazia

"Alzheimer" di Marco Giuffrida

di Marco Giuffrida

(A Marcello)

Solo messaggi vuoti.
E dal tuo incedere incerto
il segno di una vita chiusa dentro a un cerchio.
Dal disgregarsi dei pensieri,
solo un turbinio di parole oscure
e l’irrefrenabile moto delle dita
alla ricerca vana di tutto e nulla.

"Viaggio a Capo Nord" di Marco Giuffrida

di Marco Giuffrida

Per udire il lamento antico delle rocce
ho lasciato che Silenzio e Infinito
si spandessero nel cuore.
Ho guardato ai boschi radi,
stremati dalla fatica d’Essere ancora.
Ho vissuto la Tundra brulla,
attento alla Vita nascosta,
fra un fuggire d’ombre e lame di luci.
Mi sono abbandonato all’Infinito,

"Mathausen" di Marco Giuffrida

di Marco Giuffrida

Il profumo dei fiori
non copre l'odore di Morte.
Il silenzio,
trascina le urla delle anime ferite.
E le senti accanto.
Antichi dolori e fresche commozioni,
camminano assieme, impaurite,
nei cortili roventi.
L'asfalto non ha cancellato il sangue.
Puoi capire i luoghi e i momenti.

"Acqua, terra e fuoco" di Frank Spada e Carla Casazza

Per una visione migliore cliccare sull'immagine.

"Sei tu vita" di Giuliana Barontini

Senza nessun ritegno
ne pudore
generosa nel donare
esperienze vane
ogni giorno
umilii orgogli e deridi passioni

Rare volte
miraggi lontani
ci sono sorrisi e poi
nel tuo proseguire
altezzosa ...

Nel veleno del tempo
intingi parole

nelle menti
trasmetti emozioni

"Piccoli passi" di Giuliana Barontini


A piccoli passi
lasciati attraversare l'anima
lasciati prendere
la giusta parte del cuore.

Molti sono i momenti
che non riesci a respirare
l'aria complice manca
nell'abbandono

fai che la bufera dei sensi
ti cancelli il veto
lascia che tutto il tuo essere
si prenda goloso
il dono.

Condividi contenuti
Creative Commons License Salvo dove diversamente indicato, il materiale in questo sito
è pubblicato sotto Licenza Creative Commons Attribuzione-Non commerciale-Condividi allo stesso modo 3.0 Unported.
Powered by netsons | Drupal and Drupal Italia coomunity | Custumized version by Mavimo
Based on: ManuScript | Optimized for Drupal :www.SablonTurk.com